Ripassiamo i consigli del decalogo Enea per ottenere il massimo dal nostro impianto di riscaldamento

La neve che cade sulle montagne, una poltrona con calde coperte e il caminetto acceso. Tutto bello, almeno in sogno. Ora però è tempo di alzarsi e affrontare una gelida giornata di fine gennaio: il freddo stagionale si fa sentire (siamo nel pieno dei giorni della Merla considerati per tradizione i più rigidi dell'anno) e la bolletta del gas rischia di diventare ancor più pesante della giacca imbottita che ci avvolge per proteggerci dal freddo.

Allora come fare? Freddo o risparmio? L'Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) ha elaborato un decalogo con alcuni semplici consigli per gestire al meglio il riscaldamento e spiegarci che il caldo al giusto prezzo non è un'utopia anche nei giorni più freddi.

I consigli di pronto utilizzo

Vediamo le misure da applicare subito. Anzitutto dobbiamo evitare la dispersione di calore schermando le finestre durante la notte (con tapparelle o tende pesanti) e installando pannelli riflettenti tra muro e termosifone. Bene areare gli ambienti ma senza esagerare: quando il freddo si fa sentire anche pochi minuti con le finestre aperte possono bastare.
caldaia.jpg
È importante avere l'impianto in perfetta efficienza: se non avete ancora provveduto alla manutenzione periodica, rimediate subito. Un impianto ben regolato consuma meno e aiuta a risparmiare. Non bisogna dimenticare che la legge prevede anche multe salate per chi non effettua i controlli periodici obbligatori. Quindi tenete pronto il numero del vostro tecnico di fiducia.

Sempre la legge stabilisce anche la temperatura limite negli ambienti domestici: 22 gradi. In realtà – ci ricorda l'Enea – 19 gradi sono già sufficienti a garantire il comfort necessario. E ogni grado risparmiato alleggerisce la bolletta. 

Questi sono, però, gli accorgimenti più immediati che possiamo mettere in atto. Fin da oggi, invece, possiamo iniziare a programmare alcuni lavori che cambierebbero radicalmente il nostro utilizzo del riscaldamento domestico.

Fotovoltaico, autoproduzione, domotica: come trasformare la propria casa

Il primo passo, secondo l'Enea, è fare un check-up alla propria casa rivolgendosi a tecnici specializzati. Sarà possibile avere un quadro di tutti gli interventi necessari per l'efficienza energetica, dalla sostituzione dei serramenti all'isolamento termico delle pareti. Gli interventi, se necessari, sono incentivati e permettono di abbattere della metà i consumi.

A questa attività di efficientamento è possibile abbinare la sostituzione della caldaia: a condensazione oppure a pompa di calore ad alta efficienza, a biomassa o con sistema ibrido (caldaia a condensazione e pompa di calore). L'ideale – suggerisce l'Enea – è integrare un sistema di riscaldamento ad alta efficienza con l'installazione di un impianto fotovoltaico che permette di sfruttare al massimo l'autoproduzione di energia e nel contempo di godere delle detrazioni previste per le ristrutturazioni edilizie.
termostatiche.jpg
Un ulteriore aiuto al bilancio energetico di casa arriverà dall'utilizzo di valvole con le valvole termostatiche il risparmio arriva al 20% termostatiche che permettono di regolare l'afflusso di acqua calda nei termosifoni con un risparmio calcolato fino al 20% sul consumo totale. Altrettanto importante -ricorda il decalogo Enea - la domotica che, attraverso cronotermostati e regolatori di presenza elettronici, permette di regolare a distanza l'impianto così da mantenerlo in funzione quando necessario.

Un sistema di domotica efficiente dal punto di vista energetico permette di creare veri e propri scenari con regole riguardanti l'utilizzo dell'energia nel suo complesso e non solo il riscaldamento, moltiplicando le possibilità di risparmio. Eugenio, l'home gateway manager di Evolvere, è stato progettato per lavorare al meglio anche nell'ambito dell'efficienza termica domestica così da garantire il clima giusto nei diversi ambienti di casa.

Siete sicuri di sognare ancora la coperta e il caminetto?